Cascina San Romano

Il Luogo

Cascina San Romano si trova nella zona ovest di Milano a breve distanza dai borghi rurali storici di Quinto Romano, Trenno e Figino. E’ immersa nel parco pubblico “Boscoincittà”, progettato dal Centro di Forestazione Urbana di Italia Nostra e realizzato, col contributo dei cittadini, a partire dal 1974. Questo angolo di verde pubblico è completamente circondato dal paesaggio rurale milanese col quale mantiene un forte legame. Gli elementi che costituiscono il paesaggio rurale storico – trama agricola, filari alberati, strade interpoderali e canali irrigui – si legano coi nuovi elementi del parco pubblico tra i quali il bosco, il lago, i prati e il sistema dei percorsi. Gli orti urbani – affidati ai cittadini – costituiscono, inoltre, un ulteriore elemento di legame tra il parco e il paesaggio agrario circostante in quanto un spazio destinato all’agricoltura all’interno di Boscoincittà. Cascina San Romano si trova al centro di Boscoincittà ed è il riferimento principale del parco: circondata da un ampio prato, risulta  ben visibile da molti punti del parco stesso.

La Storia

Il nucleo originario di Cascina San Romano risale al XV secolo. Per la prima volta si trova menzionata nel ‘600 nella mappa del Claricio col nome di San Romano. Nelle mappa settecentesca del Catasto Teresiano è descritta la presenza di un oratorio dedicato appunto a San Romano. La cascina era allora dotata di orti, a nord del nucleo edificato, di un giardino, a ovest, e di una vigna e di un frutteto a sud. Tra il XVIII e il XIX secolo il nucleo rurale assume la conformazione a corte chiusa, tipica della cascina milanese. Un edificio di abitazione delimita la corte ad ovest e parzialmente a sud, mentre ad est della si trova la stalla. La chiesetta si colloca esternamente alla corte sul lato meridionale. Scrive Luca Beltrami nel 1892: «Nell’altro camino della fattoria di San Romano, ora dei Morosini, è la targa araldica dei Rainoldi che ha il posto d’onore nel centro del camino, fiancheggiata da uno stemma palato, forse Triulzo». La Cascina, acquistata dal Comune di Milano nel 1942, dal 1974 è in concessione d’uso alla Sezione milanese di Italia Nostra. I suoi 35 ettari sono stati trasformati in parco.

catasti_sanromano

Bibliografia:

  • Assessorato al Demanio, Cascine del Comune di Milano, Comune di Milano, 1977
  • Assessorato al Demanio, Cascine a Milano, Comune di Milano, 1986
  • Associazione Amici Cascina Linterno, Le cascine di Porta Vercellina, Milano, 2006
  • Beltrami L., Reminiscenze di storia e arte nel suburbio e nella città di Milano, vol. III, Milano, 1892
  • Centro Studi PIMLe cascine di Milano verso e oltre Expo 2015, Comune di Milano, 2009
Le Attività

Gestore: Centro di Forestazione Urbana, Italia Nostra

Attività presenti attualmente in cascina: durante l’anno in cascina sono svolte manifestazioni socio-culturali, attività educative e didattiche. La cascina è sede della “Biblioteca verde” del Comune di Milano.

Documenti